Italicum è legge, Mattarella la firmerà?


Premio di maggioranza e sbarramento al 3%: ecco cosa prevede l’Italicum

boschi_italicum1-734x505La legge vale solo per la Camera ed entrerà in vigore solo nel luglio 2016, data in cui si pensa che sia stata approvata la riforma costituzionale, che prevede un Senato non più elettivo

Entrata in vigore dal luglio 2016; premio di maggioranza alla lista che supera il 40% dei voti, o ballottaggio tra i due partiti più votati se nessuno supera quella soglia; sbarramento al 3% e capilista bloccati. È questo l’Italicum 2.0, la riforma elettorale approvata oggi dalla Camera. Continua a leggere “Italicum è legge, Mattarella la firmerà?”

Annunci

Scuola: dai cortei di insegnanti e studenti slogan contro Renzi e la sua riforma.


sciopero_catania-960x456“Durante questo autunno abbiamo  fortemente palesato il nostro dissenso contro la Buona Scuola in quanto riforma che va ancora una volta a tagliare radicalmente i fondi all’istruzione e a svilire e precarizzare  sia la didattica in generale che la funzione docente e il lavoro del personale che compone la scuola italiana – spiegano i manifestanti -. Noi studenti abbiamo deciso di partecipare  a questa giornata per dimostrare che non ci facciamo ingannare così facilmente dai giochi della casta politica, sebbene i volti cambino e si ringiovaniscano le mire allo smantellamento della scuola pubblica e l’attacco alle fasce meno abbienti rimangono. Dal canto nostro noi  lavoriamo quotidianamente nelle scuole e nelle università per far crescere quella stessa determinazione che ha caratterizzato le mobilitazioni studentesche e con questo spirito siamo scesi oggi in piazza volendo dare dunque  un reale contributo studentesco alla battaglia in difesa della scuola pubblica contro la legge di stabilità 2015″. Continua a leggere “Scuola: dai cortei di insegnanti e studenti slogan contro Renzi e la sua riforma.”

Italicum: lunedì voto finale, Renzi: chi non vota per me peste lo colga.


renzi_boschi-535x300

«Ancora non è finita». Ostenta prudenza, Matteo Renzi. I numeri certificati dai tre voti di fiducia in Aula alla Camera gli consentono di affrontare con una certa tranquillità il voto finale della legge elettorale in programma per lunedì. Ma l’Italicum è ormai diventato un «simbolo» per il premier. È lo spartiacque tra una «classe politica inconcludente, che prometteva e poi non faceva nulla» e il suo governo, che «ci prova e ce la fa». Continua a leggere “Italicum: lunedì voto finale, Renzi: chi non vota per me peste lo colga.”

Bersani :”Sulla legge elettorale Renzi fa indebite pressioni”


«Quella di Renzi che dice che se la legge non passa cade il Governo è una pressione sul Parlamento indebita perchè non tocca al Governo».

«Dopo di che io sono affezionato alla mia ‘ditta, il Pd, “che però ha una regola, che stabilisce che davanti a temi costituzionali ogni singolo parlamentare si assume liberamente le sue responsabilità”.

pierluigi-bersani-1-535x300-1425022048Così Pierluigi Bersani. «Dopo di che io sono affezionato alla mia ‘ditta, il Pd, “che però ha una regola, che stabilisce che davanti a temi costituzionali ogni singolo parlamentare si assume liberamente le sue responsabilità”. Continua a leggere “Bersani :”Sulla legge elettorale Renzi fa indebite pressioni””

Caos in casa PD per le amministrative in Sicilia


A Enna primarie con Crisafulli: ex senatore, mi possono togliere di mezzo solo se mi sparano.

Ad Agrigento, sarà Angelo Capodicasa il nuovo candidato a sindaco del Pd, dopo che Alessi ha vinto le primarie.

Crisafulli-675

Primarie di coalizione decise dal centrosinistra di Enna per il prossimo 19 aprile. L’Unione comunale, costituita dai direttivi dei Circoli Pd di Enna alta ed Enna bassa risponde dunque così al veto di Renzi sul candidato democratico, l’ex senatore Mirello Crisafulli, attualmente coordinatore provinciale del partito. Crisafulli, osteggiato dal premier, qualche giorno fa disse: “Mi possono togliere di mezzo solo se mi sparano”.

Amministrative ad Agrigento, sarà Angelo Capodicasa il nuovo candidato a sindaco del Pd, ma Alessi non lo sa e chiede conto a Renzi.

Continua a leggere “Caos in casa PD per le amministrative in Sicilia”

Fintocrazia Renziana o Democratura?


renzi3.

Nazareno o non Nazarenola riforma del Senato, promessa da Berlusconi a Renzi, passa, anche con i voti contrari dello stesso Berlusconi. Un po’ di  sindaci e di rappresentanti delle  Regioni confluiranno nel nuovo Senato: in larga maggioranza sono tutti fedelissimi del partito di Renzi. Per quanto riguarda la Camera l’Italicum, grazie al premio di maggioranza previsto, assicurerà al prossimo governo una maggioranza parlamentare schiacciante. Continua a leggere “Fintocrazia Renziana o Democratura?”