Cefalù in ginocchio con la stagione turistica compromessa.


Tra le strutture annerite e gli scheletri degli arredi il proprietario del ristorante “Al Giardino”, Giuseppe Mogavero, si aggira sconsolato. “Non esiste più nulla. Tutto è stato distrutto”, dice. Il “Giardino” era uno dei locali più importanti (400 posti, una grande sala) del lungomare di Cefalù dove il fuoco è arrivato dall’alto e ha devastato case, depositi, strutture e cancellato uno dei posti più rinomati della movida: il pub-discoteca “Le Vele”.

Il locale non esiste più. Le palme bruciate, le piste devastate, gli arredi anneriti. Due giovani che lavoravano qui come animatori si aggirano tra le sale divorate dalle fiamme. Continua a leggere “Cefalù in ginocchio con la stagione turistica compromessa.”

Mezza Sicilia devastata dal fuoco in 48 ore


In due giorni in Sicilia è andata in fumo macchia mediterranea e boschiva più vasta rispetto a quella distrutta dagli incendi in un intero anno nel 2013 e da giugno e ottobre del 2015.

Nelle quarantotto ore di fuoco, in cui è bruciata mezza Sicilia, sono divampati contemporaneamente 800 roghi e incendiati 5.626 ettari di terra (di cui 3.747 non boschiva). A tracciare un primo drammatico bilancio è la Regione siciliana, che stima danni per 30 milioni di euro (per il solo rimboschimento) e annuncia misure eccezionali anche per la prevenzione degli incendi. Continua a leggere “Mezza Sicilia devastata dal fuoco in 48 ore”

Villabate: ancora una vittima del lavoro.


Ancora una vittima del lavoroUn disoccupato palermitano di 54 anni si è ucciso dandosi fuoco all’interno della sua auto a Villabate, nei pressi del mercato ortofrutticolo.

villabate Si-fa-fuoco-in-auto-1-620x485

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, che hanno ascoltato i familiari della vittima, l’uomo aveva da poco perso il lavoro e per questo motivo avrebbe deciso di togliersi la vita.

La tragedia è avvenuta in piazza Figurella, nei pressi del mercato ortofrutticolo che si trova all’ingresso di Villabate. Ferdinando Bosco ha parcheggiato la sua auto, una Fiat Idea, e dopo essersi cosparso il corpo di benzina si è dato fuoco all’interno dell’abitacolo. Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento l’auto in fiamme ma non sono riusciti a salvare l’uomo, il cui corpo è stato trovato carbonizzato.

Gli investigatori, attraverso la targa della vettura sono riusciti a risalire all’identità della vittima, che aveva avvisato i suoi familiari dell’intenzione di togliersi la vita, dopo avere perso il posto di lavoro in una ditta di autotrasporti, con un messaggio inviato su whatsapp. I parenti del disoccupato che si sono immediatamente recati sul luogo della tragedia, dove è ancora in corso una prima ricognizione del medico legale, hanno accompagnato i rilievi di rito con urla e scene strazianti.

Politica/Un lettore scrive “Monti, A B C tutti a casa. Ci stanno portando al baratro”


Egr Direttore
a 62 anni sento, leggo e vedo un sacco di cose che mai avrei immaginato. E’ drammatico, ogni giorno, vedere come la gente comune (pari al 80% della popolazione italiana) deve farsi strada tra l’immondizia che la circonda (morale, politica, sociale) per non soccombere e finire a commettere atti irreparabili. Continua a leggere “Politica/Un lettore scrive “Monti, A B C tutti a casa. Ci stanno portando al baratro””