Sicilia incendi:Crocetta,attacco politico mafioso


Incendi: Crocetta, dietro c’è la mafia,  aggressione al territorio con 800 focolai

Sud: Renzi a Direzione, presenti governatori e Bersani

“C’è un attacco politico mafioso dietro questi incendi, l’obiettivo non sono solo i boschi e la speculazione edilizia”. Lo ha detto il governatore siciliano Rosario Crocetta, in conferenza stampa a Palermo. “C’è stata un’aggressione sul territorio con 800 focolai contemporaneamente. E’ un disegno preciso politico, affaristico, criminale della mafia ma anche un attacco a un governo, che combatte la mafia. – ha aggiunto – Siamo di fronte a una attacco mafioso spaventoso”.

Annunci

Ars/Bocciato Dpef, alla prima il governo va sotto.


Si complica l’iter per l’approvazione di bilancio e finanziaria, in aula solo 45 deputati su 90.

ars_assemblea_regionale-535x300

Governo e maggioranza battuti all’Assemblea regionale siciliana. L’aula ha bocciato il Dpef 2016-2018, il documento di programmazione economico-finanziaria. Si complica, a questo punto l’iter per l’approvazione di bilancio e finanziaria.  A sala d’Ercole era presente solo la metà dei deputati, 45 su 90, molti gli assenti tra le file della maggioranza: 21 i voti a favore, 21 i contrari e tre gli astenuti. Continua a leggere “Ars/Bocciato Dpef, alla prima il governo va sotto.”

Sicilia/Nuova polemica Crocetta-Faraone, questa volta sui rifiuti.


Faraone: “Entro 60 giorni andrà approvato il piano regionale di gestione dei rifiuti. Se la Regione Sicilia non porterà a temine quanto stabilito nella diffida il governo nominerà un Commissario per sbloccare questa situazione”

crocetta2-535x300“Il governo nazionale, con un intervento della Presidenza del consiglio dei ministri, proposto dal ministero dell’Ambiente ha attivato, in materia di rifiuti, la procedura di esercizio del potere sostitutivo sul governo regionale siciliano. Troppi ritardi, grave situazione igienico sanitaria e debiti alle stelle. Non si può più stare a guardare.” Tutto ciò lo scrive sul suo profilo Facebook il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone. Continua a leggere “Sicilia/Nuova polemica Crocetta-Faraone, questa volta sui rifiuti.”

Sicilia/ARS/ Crocetta si difende:«Attacco alla democrazia»


Crocetta: «Non lascio, l’intercettazione non esiste» e poi aggiunge «Attacco alla democrazia»

crocetta intercIntanto all’Assemblea regionale siciliana va in scena l’autodifesa del governatore Rosario Crocetta dopo la bufera sollevata dalla presunta frase pronunciata al telefono dal suo medico personale, Matteo Tutino, su Lucia Borsellino. Continua a leggere “Sicilia/ARS/ Crocetta si difende:«Attacco alla democrazia»”

Sicilia/PD: Ferrandelli si dimette e fonda ” i coraggiosi”


Attacca Crocetta e fonda I coraggiosi,”siamo gli antigattopardi”

fabrizio-ferrandelli-535x300

“Con ‘I coraggiosi’ è arrivata la rottamazione in Sicilia. Siamo gli antigattopardi”. Così il deputato regionale del Pd Fabrizio Ferrandelli ha ufficializzato le sue dimissioni dalla carica di parlamentare. Ferrandelli da settimane, ancor prima che scoppiasse il caso delle presunta intercettazione tra Crocetta e il suo medico Matteo Tutino, chiede le dimissioni del governatore. “La questione Crocetta è politica e riguarda le riforme mancate. Sfido i grillini: si dimettano”.

Crocetta non si dimette e chiede i danni.


Il legale del governatore siciliano Rosario Crocetta, a proposito della presunta intercettazione su Lucia Borsellino pubblicata dal settimanale L’Espresso chiede 10 milioni di danni.

MAFIA: CROCETTA, E' DENTRO LE ISTITUZIONI“Faremo un’azione civile risarcitoria chiedendo a L’Espresso 10 milioni di danni” ha detto in conferenza stampa, a Palermo, il legale del governatore siciliano Rosario Crocetta, a proposito della presunta intercettazione su Lucia Borsellino pubblicata dal settimanale. Continua a leggere “Crocetta non si dimette e chiede i danni.”

Crocetta racconta il suo dramma e non si dimette.


Crocetta: non mi dimetto, la darei vinta ai poteri forti

Sicilia: Crocetta, riconosciuta validità nostra finanziaria«In questi giorni sono stato malissimo. Non volevo uscire di casa, non volevo incontrare nessuno, avevo paura anche a farmi vedere. Ho pensato di ammazzarmi. Anzi, in alcuni momenti ho pensato solo al modo in cui ammazzarmi». Continua a leggere “Crocetta racconta il suo dramma e non si dimette.”