Mezza Sicilia devastata dal fuoco in 48 ore


In due giorni in Sicilia è andata in fumo macchia mediterranea e boschiva più vasta rispetto a quella distrutta dagli incendi in un intero anno nel 2013 e da giugno e ottobre del 2015.

Nelle quarantotto ore di fuoco, in cui è bruciata mezza Sicilia, sono divampati contemporaneamente 800 roghi e incendiati 5.626 ettari di terra (di cui 3.747 non boschiva). A tracciare un primo drammatico bilancio è la Regione siciliana, che stima danni per 30 milioni di euro (per il solo rimboschimento) e annuncia misure eccezionali anche per la prevenzione degli incendi. Continua a leggere “Mezza Sicilia devastata dal fuoco in 48 ore”

Annunci

Crac Amia Palermo, rinviati a giudizio i vertici dell’azienda.


Sono state rinviate a giudizio sette persone accusate di peculato nell’inchiesta sulle “spese pazze” dell’Amia, l’ex azienda municipale della raccolta dei rifiuti a Palermo.

amia-535x300

Davanti alla terza sezione del Tribunale di Palermo, dal 3 ottobre prossimo, si svolgerà il processo a Lorenzo Lunardo, Paola Barbasso Gattuso, Arrigo Bellinazzo e Daniele SaviottiGiuseppe Giambelluca, Massimiliano Gibilaro e Salvatore Muratore. Continua a leggere “Crac Amia Palermo, rinviati a giudizio i vertici dell’azienda.”

Aspra, 7 arresti per furto di energia elettrica.


Un intero condominio collegato abusivamente alla rete elettrica. È l’accusa dei carabinieri nei confronti di nove persone, tutte residenti nella stessa palazzina ad Aspra, che avrebbero rubato l’energia elettrica per le proprie case.

Aspra .jpg

Il blitz dei carabinieri di Bagheria è scattato in una palazzina di via Mario Francese, di proprietà di una persona del luogo estranea ai fatti, responsabili sarebbero invece i sette inquilini che sono stati arrestati ed altre due persone che sono state denunciate. Continua a leggere “Aspra, 7 arresti per furto di energia elettrica.”

Paternò, inchino al boss sulle note de “Il Padrino”


L’omaggio sotto casa di un esponente del clan Santapaola. Il Questore ferma la processione per Santa Barbara a Paternò

paternò inchino alla mafia 1

Ancora un “inchino” in onore di mafiosi durante una festa patronale. Questa volta ‘l’omaggio’, dopo quello che aveva suscitato polemiche a Oppido Mamertina, in Calabria, è arrivato nel corso di una processione a Paternò, nel catanese. In centinaia per le strade stavano festeggiando la Continua a leggere “Paternò, inchino al boss sulle note de “Il Padrino””

Si inclina pilone sulla Palermo-Sciacca Viadotto chiuso e poi riaperto


Un pilastro che sorregge il viadotto Traversa 2 della strada a scorrimento veloce Palermo-Sciacca nella zona di San Giuseppe Jato si è inclinato.

palermosciacca1-535x300I tecnici hanno deciso di chiudere la strada dal chilometro 23 al chilometro 28 per alcune ore. Ma dopo i controlli dei tecnici, il tratto di strada è stato Continua a leggere “Si inclina pilone sulla Palermo-Sciacca Viadotto chiuso e poi riaperto”

Gravina di Catania/Sedava clienti per derubarli


‘Massaggiatrice’ metteva psicofarmaco in latte di mandorla

Carabinieri 3-535x300

Somministrava, con del latte di mandorla, un sedativo ai suoi ‘clienti’ per derubarli, dopo essersi fatta pagare 50 euro per avere un rapporto sessuale. E’ la tecnica di una ‘massaggiatrice’ di 54 anni arrestata da carabinieri di Gravina di Catania per rapina aggravata, in esecuzione di un provvedimento del Gip. Le indagini erano state avviate dopo incendi stradali causati da due dei clienti ancora sotto l’effetto del farmaco. Militari hanno sequestrato latte di mandorla adulterato.

PALERMO/Impiegato comune gioca a solitario pc


Impiegato comune gioca a solitario al pc mentre allo sportello c’è la coda dei cittadini utenti.

Palazzo delle Aquile, Municipio Palermo

Era andato a Palermo alla delegazione comunale per chiedere il pass della Ztl. Ma mentre Marco Barone era in coda come tanti altri cittadini, in attesa che arrivasse il suo turno ha notato un dipendente comunale che al computer giocava al solitario. Ha scattato una foto e l’ha postata nel suo profilo Facebook. L’immagine è stata condivisa da tanti utenti ed è stata notata anche dagli amministratori comunali. E’ stata avviata una procedura disciplinari nei confronti dell’impiegato.