Bagheria il sogno ? (5) … le grandi ammucchiate


Per le elezioni amministrative di Bagheria, adesso i giochi sembrano davvero chiusi, nascono le grandi ammucchiate.

I partiti non hanno più la faccia di presentarsi col proprio simbolo e si vestono di civismo, cercando di eludere l’elettorato di riferimento.

Filippo Tripoli ha messo d’accordo Saverio Romano, Lumia e Cuffàro, Cracolici,Biagio Sciortino , Daniele Vella etc.etc. destra sinistra centro insomma un altro centro destra sinistrato, con un pizzico di finto sicilianismo, da contrapporre all’altro centro dx di Gino Di Stefano, forte dell’appoggio di FI (una parte che fa riferimento al coordinatore Massimo Gargano, a sua volta referente di Miccichè & company) la lega di Salvini, l’Aquilone dello stesso Di Stefano e alcune altre liste pseudo civiche, “Diventerà bellissima”, Udc, “L’Aquilone, idee in volo per Bagheria e Aspra”, “Cristiani in azione per Bagheria” e “Bagheria in… comune” e “il partito della famiglia”.

La discesa in campo di queste due grandi ammucchiate ha spaventato subito Emanuele Tornatore, che ha subito rinunciato alla sua candidatura alla testa dei “ 100 cittadini “e che nel frattempo non ha saputo aggregare altre liste civiche, che avrebbero potuto supportare la sua candidatura.

La stessa scelta la farà sicuramente, la candidata di bandiera di FdI Brigida Alaimo, del coordinatore Rosario Giammanco, che a quanto pare non ha ancora deciso con chi schierarsi, ma è presumibile che troverà l’accordo con Di Stefano.

I grillini ancora non hanno presentato ufficialmente la loro candidata Romina Aiello, che prenderà il posto dell’uscente Patrizio cinque, che per le note vicende (    ) non si potrà candidare e che comunque allestirà una sua lista civica di appoggio al M5S.

Resterebbe ancora la Alessandra Iannì.

Alessandra Iannì può contare su due gruppi composti dal gruppo “Movimentiamo Baaria” e  “+Europa Bagheria”. Ma anche questa, possibilmente rinuncerà, per trovare un posto con la sua lista fra la ammucchiata, che fa capo a Filippo Tripoli.

Il sogno è svanito?, speriamo non si trasformi in incubo…

Enzo Cinà dalla Città Futura …