Parte da Bagheria la campagna di Ferrandelli contro sprechi e privilegi alla Regione


Parte da Bagheria la campagna di Ferrandelli contro sprechi e privilegi alla Regione

Un miliardo di euro di fondi da restituire alla Ue, una finanziaria fantasma, un parlamento regionale che si riunisce qualche minuto a settimana, una valanga di clientele a partire dal finanziamento di alcuni porti che stanno a cuore a D’Alia, Lumia e Crocetta e una Sicilia che va sempre più a fondo per colpa di una classe politica che si caratterizza per sprechi, privilegi, inefficienza e corruzione.

fabrizio_ferrandelli-535x300

Adesso basta! Proponiamo quattro mosse coraggiose, 4 disegni di legge che approveremo all’indomani della cacciata di questi 90 deputati per dire basta alle riforme dello Stato che non oltrepassano lo Stretto di Messina per inerzia dell’Ars, basta ai casi di gettonopoli nei Comuni, basta ai deputati regionali dell’Ars che guadagnano migliaia di euro lavorando 17 minuti a settimana, basta alla Regione con più consiglieri regionali d’Italia e basta a chi, avendo problemi con la giustizia, ricopre incarichi elettivi”.

Lo scrive sul portale dei Coraggiosi (www.icoraggiosi.org) Fabrizio Ferrandelli, ex deputato del Pd all’Ars dimessosi in polemica con Crocetta e con Il Pd siciliano, dando il via alla campagna dei Coraggiosi “Coraggio, si cambia. Le 4 mosse coraggiose contro inefficienza, sprechi e corruzione della politica in Sicilia”.

“Sono quattro semplici mosse – aggiunge Ferrandelli – per rendere la Sicilia leggera, veloce, trasparente e con meno costi della politica. Vogliamo soprattutto riavvicinare i cittadini alla politica e consentire alla nostra isola di ritornare in Italia e in Europa a testa alta e con la schiena dritta. Quattro mosse che i Coraggiosi si intestano invitando i cittadini a mobilitarsi nelle piazze siciliane. Già sabato saremo in piazza a Bagheria e nelle prossime settimane raggiungeremo la maggior parte delle piazze siciliane”.

Le 4 mosse, già elaborate come proposte di legge di iniziativa governativa, sono:

  1. UNA REGIONE EFFICIENTE – Applicazione immediata delle leggi dello Stato se l’Ars per inerzia non si esprime entro 6 mesi dalla loro entrata in vigore;
  2. MENO COSTI DELLA POLITICA – Riduzione deputati regionali da 70 a 50 così come previsto per le Regioni a Statuto ordinario con un risparmio di 7 milioni di euro l’anno;
  3. STOP A GETTONOPOLI – Calcolo dell’indennità degli eletti in relazione alla durata dei lavori d’aula, delle commissioni e alla qualità dell’attività svolta;
  4. LOTTA ALLA CORRUZIONE – Approvazione del Codice Etico per gli eletti a cariche pubbliche, per gli amministratori e i dipendenti della Regione Siciliana.