Parte da Bagheria la campagna di Ferrandelli contro sprechi e privilegi alla Regione


Parte da Bagheria la campagna di Ferrandelli contro sprechi e privilegi alla Regione

Un miliardo di euro di fondi da restituire alla Ue, una finanziaria fantasma, un parlamento regionale che si riunisce qualche minuto a settimana, una valanga di clientele a partire dal finanziamento di alcuni porti che stanno a cuore a D’Alia, Lumia e Crocetta e una Sicilia che va sempre più a fondo per colpa di una classe politica che si caratterizza per sprechi, privilegi, inefficienza e corruzione.

fabrizio_ferrandelli-535x300

Adesso basta! Proponiamo quattro mosse coraggiose, 4 disegni di legge che approveremo all’indomani della cacciata di questi 90 deputati per dire basta alle riforme dello Stato che non oltrepassano lo Stretto di Messina per inerzia dell’Ars, basta ai casi di gettonopoli nei Comuni, basta ai deputati regionali dell’Ars che guadagnano migliaia di euro lavorando 17 minuti a settimana, basta alla Regione con più consiglieri regionali d’Italia e basta a chi, avendo problemi con la giustizia, ricopre incarichi elettivi”. Continua a leggere “Parte da Bagheria la campagna di Ferrandelli contro sprechi e privilegi alla Regione”

Annunci

I laureati siciliani non potranno partecipare a concorsi pubblici


In Sicilia esiste un paradosso per centinaia di laureati dell’area sanitaria non medica (biologi, farmacisti, veterinari, psicologi, chimici, fisici) che non possono partecipare ai concorsi pubblici in quanto il Miur da tre anni non prevede corsi di specializzazione post-laurea per i laureati di queste facoltà.

 nino_oddo-535x300

In Sicilia esiste un paradosso per centinaia di laureati dell’area sanitaria non medica (biologi, farmacisti, veterinari, psicologi, chimici, fisici) che non possono partecipare ai concorsi pubblici in quanto il Miur da tre anni non prevede corsi di specializzazione post-laurea per i laureati di queste facoltà, che consentirebbero l’accesso al pubblico impiego nel Servizio sanitario nazionale. Continua a leggere “I laureati siciliani non potranno partecipare a concorsi pubblici”

Aspra, 7 arresti per furto di energia elettrica.


Un intero condominio collegato abusivamente alla rete elettrica. È l’accusa dei carabinieri nei confronti di nove persone, tutte residenti nella stessa palazzina ad Aspra, che avrebbero rubato l’energia elettrica per le proprie case.

Aspra .jpg

Il blitz dei carabinieri di Bagheria è scattato in una palazzina di via Mario Francese, di proprietà di una persona del luogo estranea ai fatti, responsabili sarebbero invece i sette inquilini che sono stati arrestati ed altre due persone che sono state denunciate. Continua a leggere “Aspra, 7 arresti per furto di energia elettrica.”

Il Muos è abusivo e rimane sotto sequestro


La Cassazione ha rigettato il ricorso dell’avvocatura di Stato per conto del ministero della Difesa, pertanto l’impianto di Niscemi resta sotto sequestro.

 

Muos-535x300 

Resta sotto sequestro l’impianto di comunicazioni satellitare militare Usa Muos realizzato nella riserva del Sughereto di Niscemi. Continua a leggere “Il Muos è abusivo e rimane sotto sequestro”

Stangata in arrivo per 24 mila forestali siciliani.


Sui forestali stangata da 40 milioni: «Aumenti contrattuali illegittimi vanno restituiti»Secondo alcune sentenze certi pagamenti erano illegittimi. In 26 mila dovranno pagare tra i mille e i cinquemila euro

forestali

Stangata in arrivo per 24 mila forestali siciliani. La Regione ha avviato il recupero delle somme pagate agli operai nel 2009 in seguito all’aumento dei contratti. Secondo una sentenza della Cassazione, però, quell’incremento è illegittimo e gli operai dovranno restituirlo. Continua a leggere “Stangata in arrivo per 24 mila forestali siciliani.”

Villafrati: un evento per ricordare Raccuglia


Salvatore Raccuglia, intellettuale poliedrico dimenticato

Il 26 gennaio 2016 nei locali della Biblioteca Comunale di Villafrati (Palazzina del Baglio Filangeri), si svolgerà un convegno dal titolo “VILLAFRATI RICORDA UN SUO FIGLIO ILLUSTRE” Cultura, Scuola, Storia e Tradizioni popolari in Salvatore Raccuglia (Villafrati 26 gennaio 1861 – Caltanissetta 27 giugno 1918).

Primo di una sere di incontri “itineranti”, il convegno del 26 gennaio intende ricostruire l’interessante vissuto di Salvatore Raccuglia,intellettuale poliedrico, scrittore affascinante, autore di numerose pubblicazioni nell’ambito della didattica, della pedagogia, della storia, della letteratura e delle tradizioni popolari isolane.

Maestro elementare a Palermo, Regio Ispettore scolastico a Reggio Calabria, Castroreale, Acireale,Termini Imerese, Agrigento, Caltanissetta, socio di diverse Accademie, compresa quella degli Zelanti e dei Dafnici di Acireale, che affonda le radici nel Seicento, Raccuglia fu anche redattore di varie riviste, prima delle quali “L’Avvenire Educativo” pubblicata dall’editore Remo Sandron di Palermo. Assiduo collaboratore dell’”Archivio delle Tradizioni Popolari Sicilane”, fondato e diretto da Giuseppe Pitrè e Salomone Marino,a sua volta l’instancabile intellettuale villafratese fondò e diresse le riviste “Akagras”(Agrigento 1912) e “Sicania” (Caltanissetta 1913), che spaziava dall’archeologia, agli usi, i costumi e le tradizioni rurali.

Ma i meriti più grandi di Salvatore Raccuglia vanno forse ricercati nel suo approccio scientifico alla ricerca storica e antropologica e nella modernità del suo rapportarsi al lavoro collegiale e a vari intellettuali con i quali ebbe modo di collaborare e talora anche polemizzare in ogni angolo della Sicilia.

Non pochi dei suoi libri furono pubblicati a Palermo, a Ragusa, ad Acireale, anche quando faceva l’ispettore scolastico altrove.

Programma dell’evento del 26 gennaio

Saluti del sindaco di Villafrati, Francesco AGNELLO

Matteo DONATO – storico  Accademia degli Zelanti e dei Dafnici di Acireale  “Raccuglia, Acireale e l’Accademia Zelantea”

Caterina SINDONI – storica della scuola e delle ist. educative Università degli Studi di Messina “Salvatore Raccuglia e la cultura pedagogica nell’Italia postunitaria”

Giuseppe DI MICELI – storico e studioso della cultura del territorio “Il “Mastro di campo” di Salvatore Raccuglia, con una divagazione storiografica”.

Philippe SAN MARCO – Geopolitico  École Normale Supérieure di Parigi “Identité, culture et territoire: un regard transalpin sur Salvatore  Raccuglia. Une recherche spatio-temporelle”.

Sergio BONAZINGA – Etnomusicologo  Università degli studi di Palermo. Dipartimento Culture e Società. “L’etnografia di Salvatore Raccuglia”

Coordina Giuseppe ODDO, studioso di cultura del territorio.

Locandina dell’evento.

Locandina raccuglia orizzontale ultimissima jpeg

Tutti i siciliani amanti della cultura siciliana sono invitati a partecipare.