Vivibilità,Sicilia ultima Palermo sprofonda.


Classifica del Sole 24 ore, Sicilia fanalino di coda: sprofondano Palermo e Messina

Isola-Pedonale-535x300

Bolzano la provincia in cui si vive meglio, Reggio Calabria peggio. E nelle città siciliane? Nulla di positivo: in tutte e nove province infatti la qualità della vita è senz’altro peggiore di tante altre parti d’Italia. Non regge il paragone con il Nord. Almeno questo è quanto emerge dalla classifica 2015 stilata dal Sole 24 ore, che ogni anno mette a confronto le province italiane sulla vivibilità del territorio.  Sei le aree tematiche considerate (Servizi/Ambiente/Salute, Popolazione, Ordine pubblico, Tempo libero, Tenore di vita, Affari e lavoro) per un totale di 36 indicatori. Centodieci le città analizzate.

In questa particolare classifica la Sicilia si piazza ancora una volta in fondo alla classifica. A fare peggio, tra le siciliane, sono le due città metropolitane, Palermo e Messina, che si piazzano rispettivamente alle posizioni numero 106 e 104.  E, cosa ancora più preoccupante, nelle due province la qualità della vita sembra essere peggiorata: entrambe  calano di una decina di posti. Le segue a ruota Caltanissetta, che mantiene la 102esima posizione.

Ma non fanno benissimo neanche le altre province, che stanno tutte sotto metà classifica, con Ragusa, che porta su la regione (78°). Agrigento, Enna e Catania fanno comunque meglio rispetto allo scorso anno, guadagnando alcuni posti : la città dei Templi 10 posizioni (97°), Enna 8 (93°) e il capoluogo etneo 4 (95°). In discesa, invece, Trapani (-4) e  Siracusa (-7), che si piazzano al 96° e 90° posto.

Guardando invece ai dati nazionali.  La medaglia d’oro va a Bolzano. Milano è in seconda posizione e la Capitale, Roma, al 16/o posto arretra di quattro posti in un anno nella classifica “Qualità della vita” del Sole 24 Ore pubblicata oggi. . Quest’anno le province considerate sono salite da 107 a 110 (incluse Bat, Fermo e Monza Brianza). La provincia in vetta è Bolzano, posizione che detiene per la quinta volta, seguita da Milano e Trento in terza posizione. Nella parte bassa si trova una concentrazione di centri del Mezzogiorno, con Reggio Calabria sull’ultimo gradino, Vibo Valentia al penultimo e poco distante, appunto, Palermo e Messina.