Crocetta non si dimette e chiede i danni.


Il legale del governatore siciliano Rosario Crocetta, a proposito della presunta intercettazione su Lucia Borsellino pubblicata dal settimanale L’Espresso chiede 10 milioni di danni.

MAFIA: CROCETTA, E' DENTRO LE ISTITUZIONI“Faremo un’azione civile risarcitoria chiedendo a L’Espresso 10 milioni di danni” ha detto in conferenza stampa, a Palermo, il legale del governatore siciliano Rosario Crocetta, a proposito della presunta intercettazione su Lucia Borsellino pubblicata dal settimanale.

Oltre all’azione risarcitoria nei confronti de L’Espresso, il legale Vincenzo Lo Re ha annunciato querela in sede civile per Il fatto quotidiano e per il giornalista Pietrangelo Buttafuoco, con la richiesta di un milione di euro di risarcimento per l’articolo in cui Antonio Presti chiamerebbe il governatore “bottana”.

Una denuncia il sede penale è stata annunciata da Lo Re nei confronti del senatore Maurizio Gasparri per le sue dichiarazioni ritenute diffamatorie su Crocetta dopo la vicenda della telefonata pubblicata da Il tempo.

Un pensiero su “Crocetta non si dimette e chiede i danni.

I commenti sono chiusi.