Bagheria/La triste storia di due Yorkshire .Lei investita nella notte, lui la veglia e la protegge.


yorkshire-investimento-535x300

Sul selciato il corpo della femmina; accanto a lei il compagno che l’ha difesa ringhiando e cercando di mordere fin quando i volontari sono riusciti a portarlo via

Un incidente sulla strada provinciale che da Bagheria porta a Baucina ha coinvolto una coppia di cani Yorkshire, che per cause ancora da accertare, si trovavano smarriti o abbandonati per strada.

I volontari di Bagheria, avvisati dell’accaduto hanno trovato sul posto il corpo della femmina e accanto a lei il compagno che l’ha difesa ringhiando e cercando di mordere fin quando i volontari sono riusciti a portarlo via.

“E’ stata una serata tremenda – racconta Selene Giglio, volontaria di Bagheria – Appena giunti sul posto abbiamo trovato la piccola cagnetta ormai priva di vita ed accanto a lei il compagno che non faceva avvicinare nessuno”.

Il cane era bagnato dalla pioggia, tremante e spaventato. “Vegliava la sua compagna – spiega la volontaria – Abbiamo dovuto impiegare molto tempo prima di riuscire ad avvicinarlo. Poi, pian piano, con carezze e parole dolci, si è tranquillizzato; siamo riusciti a prenderlo e portarlo subito dal Veterinario“. I due cani, infatti, sembravano ben tenuti. Impossibile per ora formulare ipotesi sul perché si trovassero in un tratto di strada buio e molto pericoloso. Forse l’ennesimo abbandono. Si cercherà di risalire al proprietario o ai proprietari attraverso i microchip.

Annunci

Palermo/Formazione/Protesta con minaccia di gettarsi da Ponte Calatafimi


protesta dipendenti formazione a Palermo

Momenti di tensione stamattina a Palermo, in viale Regione Siciliana, dove alcuni operatori dello Ial, ente di Formazione professionale hanno minacciato di gettarsi dal ponte di corso Calatafimi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. Gli operatori chiedono un incontro con l’assessore Lo Bello. Sul posto oggi c’era anche il deputato regionale di Forza Italia, Vincenzo Figuccia, che ha espresso tutta la sua preoccupazione per questo clima di tensione sociale: “Chiediamo al governo regionale che possa intervenire prontamente per risolvere quanto prima la situazione di questi operatori”.

Analisi del 2014


I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2014 per questo blog.

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 26.000 volte in 2014. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 10 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Sicilia/Economia/Sbloccata la spesa alla Regione, i precari tornano al lavoro.


PRECARI-535x300

Pubblicata la legge che autorizza l’esercizio provvisorio. E scattano anche le proroghe dei contratti ai precari degli enti locali

Pubblicata la legge che autorizza l’esercizio provvisorio, si sblocca la spesa della Regione. E scattano anche le proroghe dei contratti ai precari degli enti locali e di tutte le altre categorie inserite nelle norme approvate la settimana scorsa. Si tratta delle prime norme di bilancio che entrano in vigore senza preventiva autorizzazione del Commissario dello Stato. Continua a leggere “Sicilia/Economia/Sbloccata la spesa alla Regione, i precari tornano al lavoro.”

Mafia/Altri 18 milioni sequestrati al clan di Messina Denaro


Matteo Messina DenaroL’operazione dei carabinieri è scattata nei confronti di persone ritenute collegate al super latitante. Si tratta dell’imprenditore Salvatore Angelo e del presunto mafioso Antonino Nastasi

Nuovo colpo al clan del boss Matteo Messina Denaro. Un maxisequestro di beni, per un valore complessivo di 18,5 milioni di euro, è stato eseguito dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani nei confronti di persone ritenute collegate con il superlatitante.

 Si tratta dell’imprenditore Salvatore Angelo e del presunto mafioso Antonino Nastasi (nonchè della moglie Antonina Italia), già condannati nell’ambito dell’operazione «Mandamento», per associazione di tipo mafioso e fittizia intestazione di beni. Continua a leggere “Mafia/Altri 18 milioni sequestrati al clan di Messina Denaro”

Sicilia/Regione: buco da 1 miliardo nelle entrate. Tagli alla sanità.


Palazzo d'orleans (presidenza regione)

Ci vorranno 10 anni per tornare a crescere:Riforme e piano di tagli sulla Sanità,  tutti gli acquisti affidati a un solo ufficio: questa la manovra targata Baccei. Continua a leggere “Sicilia/Regione: buco da 1 miliardo nelle entrate. Tagli alla sanità.”

D’Alia presidente della Commissione bicamerale per le questioni regionali


GIANPIERO_D'ALIALa Sicilia ci guadagnerà o sarà definitivamente consegnata a Roma?

Gianpiero  D’Alia è stato eletto stamani alle 9 presidente della Commissione bicamerale per le questioni regionali. L’incarico assegnato a D’Alia, leader dell’Udc, avrà refluenze ovviamente anche sull’imminente confronto che si aprirà a Roma fra lo Stato e il governo regionale per il superamento della crisi economica.

La legge  e i regolamenti parlamentari hanno attribuito alla Commissione parlamentare per le questioni regionali numerose competenze di carattere consultivo, nei confronti  di Governo e Parlamento nelle materie di rilevanza regionale. Tre sono le funzioni della Commissione: consultiva, di controllo e di informazione.

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, commentando l’elezione a presidente della Commissione bicamerale per le questioni regionali di Gianpiero D’Alia, si dichiarato certo che da siciliano saprà valorizzare il ruolo delle Regioni per il futuro.

 Vedremo, in fase di riforma del Titolo V della Costituzione, come intende salvaguardare le prerogative dello Statuto Siciliano, che in molte parti non è stato onorato (proprio dai politici siciliani) e quindi da parte nostra non siamo certi che la scelta di D’Alia, quale presidente della Commissione bicamerale per le questioni regionali, sia quella giusta.

Saprà D’Alia capace di non continuare a svendere la specificità dello Statuto Siciliano, che in più occasioni si è cercato di stravolgere e in più parti, all’insaputa dei Siciliani e con la complicità dei politici siciliani, che in ogni occasione si sono distinti per essere schiavi di Roma e riducendo la nostra Regione in una colonia Romana, fra le più disastrate del contesto europeo?