Elezioni europee, alle 12 affluenza al 16,7%


europee scheda elettoraleUrne aperte fino alle 23. Italia ultimo dei 28 Paesi dell’Unione a chiudere i seggi per eleggere i rappresentanti del Parlamento di Strasburgo. Si è già votato in sette Stati.

Alle 12 l’affluenza alle urne in Italia è al 16,%, secondo le rilevazioni del Viminale. Il dato tuttavia non è confrontabile con le europee del 2009 quando le elezioni erano spalmate su due giorni: alla prima rilevazione (le 22 di sabato 6 giugno) l’affluenza era stata del 17,8%, alle ore 12 di domenica 7 giugno del 30,7%. Per quanto riguarda le comunali l’affluenza alle 12 invece è stata del 22,3%.

Sarà l’Italia a chiudere la tornata elettorale delle Europee nei 28 Paesi dell’Unione. Sette gli Stati che sono già andati al voto: Gran Bretagna, Irlanda, Olanda (giovedì), Repubblica Ceca (venerdì), Lettonia, Slovacchia e Malta (sabato). Domenica tocca ai rimanenti 21. L’Italia al voto in un’unica giornata dalle 7 alle 23 per eleggere i 73 rappresentanti al Parlamento Europeo, ma anche per le regionali in Piemonte e Abruzzo e le amministrative in circa 4 mila comuni. Hanno votato i leader politici: per primi il premier Matteo Renzi a Pontassieve (Firenze) e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Roma, entrambi intorno alle 11. Nel primo pomeriggio è stato il turno di Grillo a Genova.  Si è recata al suo seggio a Roma Francesca Pascale, compagna di Silvio Berlusconi. “Voto Forza Italia per me e per tutti gli italiani di buon senso. Stavolta voto anche per Berlusconi…”, ha detto la Pascale.

Alla chiusura dei seggi immediato comincerà lo spoglio delle europee e, soltanto al termine, verranno diffusi anche i dati degli altri Paesi dove secondo gli exit poll non ci sarebbe stata la temuta avanzata degli euroscettici. In programma dalle 14 in poi di lunedì, invece, lo spoglio di regionali e amministrative. Sulla consultazione pesa l’incognita astensionismo: alle 12 il primo dato sull’affluenza.

A Termini Imerese, in provincia di Palermo, un uomo che sarebbe affetto da problemi psichici è entrato armato di coltello nel seggio allestito nella scuola Paolo Balsamo. Ha puntato l’arma contro una scrutatrice, minacciandola, ma è stato immediatamente arrestato dalla polizia di vigilanza sul posto. La scrutatrice non sarebbe ferita