Palermo/Crisi : chiude la gioielleria Fiorentino


FIORENTINOPalermo, altra vittima della crisi: chiude la gioielleria Fiorentino
L’azienda ha comunicato la decisione ai sindacati. Fra pochi giorni la liquidazione di tutta la merce e il licenziamento per i 23 impiegati
Chiude la gioielleria Fiorentino. L’azienda ha comunicato ai sindacati la decisione di liquidare la società e di cessare l’attività commerciale nei punti vendita di via Libertà e via Roma, mentre il negozio di Trapani era stato chiuso in precedenza. Fra pochi giorni l’azienda comincerà una campagna di liquidazione di tutta la merce e avvierà le procedure di licenziamento collettivo per 23 impiegati, cioé di tutto il personale in organico, compreso l’amministratore delegato. Il liquidatore sarà Alfredo Fiorentino e la procedura si dovrà concludere in 45 giorni. Ciò significa che da luglio potrebbe scattare la chiusura dei negozi. I soci hanno scelto di liquidare la società in bonis. Determinante è stata la crisi del mercato del lusso. «Ci siamo guardati attorno – dice Alfredo Fiorentino, oggi liquidatore della società – e abbiamo preso atto che il mercato, ormai da anni, sta attraversando un periodo di estrema sofferenza. La liquidazione ci è sembrata la strada più giusta, fermo restando che il nostro intento è quello di produrre la massima attenzione nei confronti dei dipendenti e dei fornitori, da sempre preziosi collaboratori».
Lo scenario che si aprirà è ancora un’incognita. Nel senso che, tra le ipotesi al vaglio ci potrà essere il mantenimento di una piccolissima quota delle azioni Fiorentino dentro una nuova compagine societaria o, l’alternativa più accreditata, ci sarà la cessione definitiva delle quote. Si parla di una immobiliare disposta a immettere capitali freschi per rilevare le azioni. Il ruolo della nuova società, con o senza i Fiorentino, sarà anche quello di far sbarcare una importante griffe del mondo del lusso, proprio nei quattro piani di via Libertà. L’importante patrimonio immobiliare dei Fiorentino, e soprattutto la licenza commerciale per media struttura – quando a Palermo, nel centro storico non possono aprire nuove medie strutture di vendita – che sarà sicuramente ceduta alla nuova attività commerciale in arrivo, rappresentano un grosso business. Le trattative sarebbero in corso di definizione. Di certo c’è che, almeno per il momento, Fiorentino uscirà di scena.
Ci sarà anche da stabilire il futuro dei lavoratori. Con la procedura di licenziamento collettivo si aprirà una vertenza. Si cercherà di attingere agli ammortizzatori sociali, con la speranza che una parte venga assorbita dal nuovo marchio del lusso che sta per arrivare. I sindacati avvisano che «già ieri – dicono dalla Filcams Cgil – i lavoratori sono stati messi al corrente della liquidazione ed è stato chiesto il loro curriculum, da poter girare a chi aprirà una nuova attività». Questo perché al momento non si tratterebbe di una cessione di ramo d’azienda, modalità che imporrebbe all’impresa il passaggio automatico dei lavoratori al nuovo soggetto imprenditoriale».
Al di la degli aspetti tecnici, e quelli molto importanti legati all’occupazione, la notizia della chiusura dell’ennesimo marchio storico palermitano non fa certo piacere. Anche se al suo posto arriverà un brand con dietro una multinazionale. La Emanuele Fiorentino spa significa tradizione che si tramanda dal 1890, con il capostipite Emanuele Fiorentino, che aprì l’omonima gioielleria nel cuore della città. Un punto di riferimento per tanti palermitani. In questi ultimi anni, tra voci di chiusura e riprese, il marchio cittadino del lusso ha cercato di rimanere sul mercato, ricorrendo alla cassa integrazione per i lavoratori e ai licenziamenti.
Con l’annuncio della liquidazione, i sindacati hanno drizzato le orecchie. «Questa vicenda è zeppa di incognite – dice Monja Caiolo, segretario provinciale della Filcams Cgil – che l’aziende deve chiarire. Per questo motivo, abbiamo chiesto una convocazione per domani, perché abbiamo fretta di capire se c’è un passaggio di licenza a un nuovo marchio. Questo garantirebbe i lavoratori. Auspichiamo in tempi celeri – continua Caiolo – un incontro anche con il nuovo soggetto imprenditoriale, al quale chiederemo la garanzia dei livelli occupazionali».