Berlusconi a ‘Sacra Famiglia’per i servizi sociali: contestato


berlusconi a sacra famigliaPer l’ex premier al via i servizi sociali all’ospizio di Cesano Boscone, nel Milanese. Un uomo gli grida: “Vada a San Vittore”
Misure di sicurezza imponenti, televisioni di tutto il mondo e una contestazione per Silvio Berlusconi a Cesano Boscone. L’ex premier ha iniziato venerdì mattina a svolgere i servizi sociali all’istituto Sacra Famiglia, come ordinato dal Tribunale di Sorveglianza di Milano: lo dovrà fare per circa dieci mesi.

Il leader di Forza Italia è arrivato alle 9.45 nella residenza per anziani, dove sconterà la condanna a quattro anni – tre eliminati dall’indulto – per frode fiscale al processo Mediaset. Ad accoglierlo non solo i giornalisti, ma anche un contestatore, che è stato allontanato dalle forze dell’ordine: “Noi italiani abbiamo un sogno nel cuore. Berlusconi a San Vittore”, lo slogan scandito dall’uomo.

L’ex Cavaliere giovedì ha definito la sentenza “assolutamente infondata”; quanto alla pena, l’ha bollata come “molto grave” per chi “da 20 anni sta conducendo una battaglia per la libertà nel suo Paese”.

Per Berlusconi l’affidamento in prova sarà un’esperienza da vivere “con la certezza” che saprà aiutare “chi ha bisogno”; un arricchimento – ha aggiunto – “anche per me stesso”.