Dell’Utri garante del patto Berlusconi-mafia. Ma Dell’Utri dove?


dell'utri 1

“Dell’Utri garante del patto Berlusconi-mafia” Lo scrivono i giudici di Palermo. Depositate le motivazioni della sentenza d’Appello che ha condannato a 7 anni l’ex senatore Pdl
Marcello Dell’Utri è colpevole oltre ogni ragionevole dubbio.

Ne sono convinti i giudici della Corte d’Appello di Palermo che lo hanno condannato a sette anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa. L’ex senatore del Pdl è “ritenuto penalmente responsabile per aver avuto rapporti con la criminalità organizzata dal 1974 al 1992”. Non solo. Dell’Utri è stato il garante di un patto tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi e in 18 anni non si è mai sottratto al ruolo di intermediario, mantenendo sempre vivi i rapporti con i mafiosi di riferimento – si legge nelle motivazioni della sentenza di condanna. Nelle oltre 470 pagine depositate, i giudici parlano del “modo disinvolto” con il quale l’imputato “era ormai abituato a entrare in contatto con soggetti appartenenti ad ambienti criminali e mafiosi” e definiscono Dell’Utri dotato di una naturale propensione ad avere rapporti con la malavita, consapevole dei vantaggi che la sua mediazione assicurava all’organizzazione criminale.

Per i magistrati il patto tra Dell’Utri, Berlusconi e Cosa Nostra sarebbe stato siglato nell’incontro avvenuto nel maggio 1974, in cui erano presenti Gaetano Cina’, Stefano Bontade, Mimmo Teresi, noti esponenti della mafia. Da allora, scrivono i giudici: “In virtù di tale patto, i contraenti (Cosa nostra da una parte e Silvio Berlusconi dall’altra) e il mediatore contrattuale (Marcello Dell’Utri), hanno conseguito un risultato concreto e tangibile costituito dalla garanzia della protezione personale all’imprenditore con l’esborso di somme di denaro che quest’ultimo ha versato a Cosa Nostra tramite Dell’Utri, che mediando i termini dell’accordo, ha consentito che l’associazione mafiosa rafforzasse e consolidasse il proprio potere”.

Un pensiero su “Dell’Utri garante del patto Berlusconi-mafia. Ma Dell’Utri dove?

I commenti sono chiusi.