Palermo, uomo ucciso da colpi di pistola in via Eugenio L’Emiro


Immagine
Un uomo è stato ucciso a Palermo, in via Eugenio l’Emiro, alla Zisa, con colpi di pistola. La polizia è sul luogo del delitto. La vittima è Giuseppe Di Giacomo, pregiudicato di 47 anni. Secondo una prima ricostruzione degli agenti l’uomo si trovava dentro la sua auto, una Smart, quando è stato sorpreso dal killer che lo ha freddato sotto casa con dei colpi di pistola. Di Giacomo aveva dei precedenti penale anche per mafia.

Omicidio a Palermo, Di Giacomo coinvolto nell’operazione Perseo ma poi assolto
Giuseppe Di Giacomo, 47 anni, freddato da colpi di pistola mentre era vicino alla sua Smart in via Eugenio l’Emiro all’angolo con via Corradino di Svevia, era stato arrestato nel 2008 nell’ambito dell’operazione antimafia «Perseo» ma era stato assolto nel gennaio 2011. Di Giacomo era il fratello di un boss storico del mandamento di Porta Nuova, Giovanni, condannato all’ergastolo per mafia e omicidio, considerato uomo di Pippo Calò. Giovanni Di Giacomo era stato condannato per gli omicidi di Natale Tagliavia, trovato incaprettato il 18 settembre ’81 e di Filippo Ficarra, vittima della lupara bianca nel 1982. È stato anche condannato per il tentativo di uccisione, nel carcere Ucciardone, del boss Gerlando Alberti «paccarè», un esponente della vecchia guardia condannato a morte dalle cosche emergenti.

Il suo nome, dopo le dichiarazioni del pentito Francesco Marino Mannoia, entrò anche nelle indagini per l’omicidio di Sebastiano Bosio, primario di chirurgia cardiovascolare del Civico di Palermo, ucciso nel 1981. La vittima di oggi era stata arrestata nell’ambito dell’operazione Perseo ma venne assolta perchè le intercettazioni che lo riguardavano furono dichiarate inutilizzabili per un vizio di forma. Secondo gli inquirenti Di Giacomo stava tentando di affermarsi come referente del clan di Porta Nuova. L’omicidio di classico stampo mafioso preoccupa molto gli investigatori. Sul luogo del delitto si sono recati il pm di turno, Francesco Grassi, i sostituti Caterina Malagoli e Sergio Demontis e l’aggiunto Leonardo Agueci.

Un pensiero su “Palermo, uomo ucciso da colpi di pistola in via Eugenio L’Emiro

I commenti sono chiusi.