C’era una volta Bagheria… 90011… ODISSEA NELLO STRAZIO.Corso Umberto va riaperto subito!!! (5)


552132_356450731106147_1328441577_n

Città Futura per Bagheria

In questo episodio Vi riportiamo il documento stilato il 20 Maggio 2010, sulla questione Corso Umberto sotto la sindacatura del Sindaco Biagio Sciortino, che chiuso il corso per i lavori di pavimentazione, lo ha lasciato abusivamente chiuso (non esisteva un atto di giunta o di consiglio che ne autorizzava la chiusura ). Il documento dal titolo 90011…Odissea nello strazio si conclude con l’esortazione “Corso Umberto va riaperto subito!!!” Messo alle strette il sindaco Sciortino nel consiglio comunale del ……….. accetta di riaprire il Corso, se entro 30 gg. non doterà il corso stesso dei parcheggi e dei bus navetta e sotto sotto dichiara che il corso non lo riaprirà mai…

CITTA’ FUTURA

associazione politico-culturale

PRESENTA

90011 ……………..ODISSEA NELLO STRAZIO

BAGHERIA LA CITTA’ DEI MORTI VIVENTI

 

IL NUOVO CORSO UMBERTO……. LE SUE LAPIDI… MANCANO SOLO LE INCISIONI DEI NOMI DEI NUOVI MOSTRI CHE RIDONO… LA FONTANA INCOMPIUTA…LA VIABILITA’ INESISTENTE… TRASFORMAZIONE DI TRAZZERE IN CORSI E VIALI… INVERSIONI DI MARCIA ILLOGICI… INSOMMA IL CAOS ORGANIZZATO CE NE VOLEVA PER ORGANIZZARE IL CAOS… EPPURE QUALCUNO C’E’ RIUSCITO …. NON SO COME ABBIA FATTO , MA C’E’ RIUSCITO….

Viabilità : Corso Umberto va riaperto subito

La chiusura di una arteria principale in una città presuppone la creazione di una alternativa praticabile immediatamente per non penalizzare la libera circolazione delle auto private e quei mezzi pubblici che servono ad aiutare l’utilizzo della stessa area pedonale. Nemmeno gli indigeni baharioti riescono più a barcamenarsi tra i meandri della bella Baharia…la Grande…l’ Opulenta baharia delle Ville e dei Nuovi Mostri… alla ricerca della Baharia perduta ci inventiamo il centro storico e rilapidiamo il vecchio corso e lo rendiamo Zona Pedonale perenne costringendo, i baharioti e non , a conoscere la vera Baharia , quella delle trazzere percorse dai carretti, e con la fantasia rese idonee ad essere percorse dalle modernissime auto (che ad ogni dosso o cunetta ne lasciano un pezzo) portando l’inquinamento per dirla in termini ambientalistici dal centro a strata ri sutta o ri supra , dove, UNA VOLTA donna Teresa socializzava con i vicini di casa e che adesso è stata incarcerata in casa , che se mette il naso fuori la fanno fuori , mettendola sotto e se non chiude bene le finestre muore intossicata dai fumi di scarico… ma siamo impazziti?

Dove sono i parcheggi nelle vicinanze della zona pedonale? ;

se non ci sono i parcheggi non c’è zona pedonale permanente… quale criterio è stato seguito per uccidere la viabilità in questo paese?

E con questa uccidere anche la già poca vivibilità di questa cittadina.? …

Corso Umberto va riaperto subito  !!!

…due anni di chiusura del corso hanno procurato danno al danno : danno economico alle poche attività produttive che sono rimaste in questo paese…ancora una volta ci vediamo costretti ad intervenire per porre argine a questo estremo degrado e a dar voce a tutte quelle solitudini silenziose… .si ha l’impressione di vivere in una città di morti viventi, di zombi che vagano nei meandri di questa città , resa impraticabile e oltremodo invivibile…Paese malato…tenuto in coma farmacologico per mancanza di risorse intellettuali ed economiche.

Acqua, rifiuti, manutenzione stradale e urbana, la città è abbandonata a se stessa senza un governo, che sappia gestire le diverse emergenze che sorgono giorno per giorno creando solo degrado su degrado..

….eppure non vediamo sorgere quel senso di rivolta che nei paesi CIVILI è il primo sintomo che la società è ancora viva e libera …

il popolo bagherese non ha più voce…

dopo 15 anni, in cui si sono succedute varie amministrazioni e commissariamenti, nulla è mutato. nessuna risposta è venuta da una classe dirigente , che è caduta sempre più in basso.

….in questo paese non si discute più, non si prendono decisioni, non si affrontano i problemi e quindi non si risolvono… il buon senso in questo paese è diventato un optional

un muro di silenzio e di inefficienza pervade la città e nessuno reagisce a questo sfascio…

Non è rilapidando Corso Umberto e rendendolo zona pedonale, che si ridà vita a una città..

Corso Umberto va riaperto subito

Corso Umberto va riaperto subito!!!

 

….ma li sentite le urla del silenzioso popolo bagherese che non ha più voce ? …che muore di fame e non si lamenta per dignita’…l’unica cosa che gli è rimasta… oppure pensate ancora e solo come rinnovare il vostro mandato elettorale?

Ma per fare cosa? non ci si rende conto che i comuni sono tutti falliti, per inadeguatezza di una classe dirigente imbelle?

… occorre un progetto alternativo per far resuscitare questo Paese malato …tenuto in coma farmacologico per mancanza di risorse intellettuali ed economiche. Necessita creare i presupposti per rendere più appetibile la città ad insediamenti produttivi e a richiami turistici , riscoprendo le Sue vocazioni originali: agricoltura-artigianato-commercio-turismo etc.

ed ecco che dal Corso Aperto riparte il progetto per dare un futuro migliore a questo Paese affrontando il tema del Lavoro e dell’ Occupazione:

La vera priorità sociale è il problema dell’occupazione.

Mai come in questo periodo siamo continuamente richiamati ad intervenire, solidarizzare, confortare persone che si trovano improvvisamente private del lavoro. Ci scontriamo ogni giorno con troppa e sincera sofferenza per non contribuire, nell’ambito delle ns. competenze, a far diventare il problema dell’occupazione una vera priorità sociale.

Ridare fiato all’economia reale è l’unica prospettiva di futuro per i tanti giovani bagheresi, che con la crisi globale non possono nemmeno più pensare di emigrare; e allora è  qui che bisogna trovare la forza e il coraggio di rigenerarsi , sentirsi vivi ed artefici del proprio futuro.

Corso Umberto va riaperto subito!!!

Bagheria li 10.05.2010 edito da Città Futura Enzo Cinà presidente

9f4132352b5a474d49ebca9228212405Bagheria-300x224img22