Skip to content

Energia dagli Agrumi: un’opportunità per l’intera filiera. Il “pastazzo” degli agrumi diventa energia pulita


È stato presentato a Catania, ed è stato realizzato grazie al progetto «Energia dagli Agrumi: un’opportunità per l’intera filiera» promosso dal Distretto Agrumi di Sicilia con la collaborazione del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) dell’Università di Catania e della Cooperativa Empedocle. A sostegno dell’iniziativa, il finanziamento non condizionato di The Coca-Cola Foundation

pastazzo-535x300Un impianto pilota per la conversione degli scarti degli agrumi, il cosiddetto «pastazzo», in energia pulita. È stato presentato a Catania, ed è stato realizzato grazie al progetto «Energia dagli Agrumi: un’opportunità per l’intera filiera» promosso dal Distretto Agrumi di Sicilia con la collaborazione del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) dell’Università di Catania e della Cooperativa Empedocle. A sostegno dell’iniziativa, il finanziamento non condizionato di The Coca-Cola Foundation. Continua a leggere…

Sparatoria al Tribunale di Milano 3 morti e due feriti. Uccisi giudice e avvocato


L’uomo che ha sparato nel tribunale di Milano ha ucciso il giudice Fernando Ciampi, della sezione fallimentare e un avvocato. Ferite altre due persone.

Tribunale-Milano-Attentato-6-729x505

«Un uomo sta sparando al secondo piano, chiudetevi dentro!». Correva con le braccia alzate per richiamare l’attenzione e gridava con la paura negli occhi una giovane avvocatessa che era riuscita a salire due piani di corsa e ad arrivare al quarto, quello della Procura. Solo una delle tante immagini del terrore che stamani Claudio Giardiello, immobiliarista a processo per bancarotta e poi killer per «vendetta», ha deciso di spargere nei sette piani del Palazzo di Giustizia di Milano, dove, armato di pistola e con una «freddezza inquietante», ha sparato tredici colpi, ammazzando tre persone, tra cui un giudice, e ferendone altre due, tra cui suo nipote. Continua a leggere…

Mafia, Mercadante: “La politica mi ha distrutto”


Secondo l’accusa, Mercadante sarebbe stato medico di fiducia delle cosche e punto di riferimento dei boss nel mondo della politica.La cassazione lo condanna in via definitiva a 10 anni e 8 mesi e lui si presenta al Carcere dei Pagliarelli.

mercadante-giovanni-535x300Giovanni Mercadante da questa mattina si trova in carcere. Si è presentato questa mattina attorno alle 9 con il suo avvocato al carcere Pagliarelli. Ieri la Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 10 anni e 8 mesi inflitta, in Appello, all’ex deputato regionale di Forza Italia, accusato di associazione mafiosa. Mercadante era stato condannato in primo grado, poi assolto in appello. La Cassazione annullò e rinviò alla Corte d’Appello per un nuovo processo. Ieri l’ultima parola dei giudici romani. Mercadante dovrà scontare la pena in carcere. Continua a leggere…

Ferrandelli fa autocritica: pronto a dimettermi, lo facciano tutti i deputati del Pd


Ferrandelli fa autocritica: pronto a dimettermi, lo facciano tutti i deputati del Pd.

Ferrandelli fa autocritica: pronto a dimettermi, lo facciano tutti i deputati del Pd


“L’esperienza di Crocetta è ai titoli di coda. Dimettiamoci tutti”, scrive

fabrizio-ferrandelli-535x300Il deputato regionale del Pd, Fabrizio Ferrandelli, ha messo “nella mani” del segretario del suo partito, Fausto Raciti, le dimissioni di parlamentare all’Ars. E invita, in una lettera indirizzata sempre a Raciti, anche gli altri deputati Dem a fare altrettanto: “L’esperienza di Crocetta è ai titoli di coda. Dimettiamoci tutti”, scrive. Ecco il testo integrale della lettera. Continua a leggere…

Acqua: la bolletta arriva ma acqua non ce n’è.


<div id=”fb-root”></div><script>(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3″; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));</script><div class=”fb-video” data-allowfullscreen=”true” data-href=”https://www.facebook.com/video.php?v=960329527340390″><div class=”fb-xfbml-parse-ignore”><blockquote cite=”https://www.facebook.com/video.php?v=960329527340390″><a href=”https://www.facebook.com/video.php?v=960329527340390″>Bagheria: Servizio andato in onda ieri su La 7 a 'Di martedì' </a><p>Bagheria: Servizio andato in onda ieri su La 7 a 'Di martedì' il programma di Giovanni Floris che documenta i problemi della rete idrica</p>Posted by <a href=”https://www.facebook.com/MediaOneonline”>TELE ONE</a> on Mercoledì 8 aprile 2015</blockquote></div></div>

Caos in casa PD per le amministrative in Sicilia


A Enna primarie con Crisafulli: ex senatore, mi possono togliere di mezzo solo se mi sparano.

Ad Agrigento, sarà Angelo Capodicasa il nuovo candidato a sindaco del Pd, dopo che Alessi ha vinto le primarie.

Crisafulli-675

Primarie di coalizione decise dal centrosinistra di Enna per il prossimo 19 aprile. L’Unione comunale, costituita dai direttivi dei Circoli Pd di Enna alta ed Enna bassa risponde dunque così al veto di Renzi sul candidato democratico, l’ex senatore Mirello Crisafulli, attualmente coordinatore provinciale del partito. Crisafulli, osteggiato dal premier, qualche giorno fa disse: “Mi possono togliere di mezzo solo se mi sparano”.

Amministrative ad Agrigento, sarà Angelo Capodicasa il nuovo candidato a sindaco del Pd, ma Alessi non lo sa e chiede conto a Renzi.

Continua a leggere…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.450 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: