Skip to content

Sicilia/Ars: Crocetta azzera la giunta, ricomincia il balletto dei nuovi assessori.


Crocetta Rosario

Raciti: proporremo nomi fuori dalla logica delle correnti. Il presidente difende la Scilabra. L’Udc potrebbe confermare gli assessori Valenti e Torrisi.

Il Pd punta a cambiare tutta la squadra, l’Udc potrebbe confermare i suoi due assessori e Crocetta dovrebbe rinunciare ad almeno uno (se non di più) dei fedelissimi. Continua a leggere…

Mafia/ Il nuovo pentito Zarcone: «Nangano ucciso per un debito di 30 mila euro»


nangano francesco-535x300L’ordine sarebbe arrivato da Nino Sacco dal carcere. Il verbale del collaboratore è stato portato in aula ieri. Nel documento vengono citati anche Pietro Asaro, a piede libero all’epoca del delitto, e Cesare Carmelo Lupo. Continua a leggere…

Protesta a Palermo, lancio di uova contro la sede del Partito Democratico


Corteo-Lancio-Uova-Palermo-2-673x505

In occasione dello sciopero sociale metropolitano che vede in tutta Italia lavoratori, disoccupati, precari, studenti, migranti, movimenti per il diritto all’abitare e tanti altri segmenti sociali mettersi in gioco contro le politiche di austerity e impoverimento del Governo Renzi, il movimento palermitano è sceso in piazza con un determinato e composito corteo cittadino. Più Continua a leggere…

Palermo/Studenti contestano ministro, scontri


carica

A Palermo forze ordine reagiscono davanti liceo R. Margherita

Scontri tra un gruppo di ragazzi del coordinamento Studenti Medi di Palermo e le forze dell’ordine in tenuta antisommossa stanno avvenendo a Palermo davanti il liceo Regina Margherita dov’e’ attesa il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Un giovane è stato fermato.

Il cancello della scuola è stato chiuso per sicurezza. Continua a leggere…

Borsa, altro giorno da incubo. E lo spread vola verso 200


soldi-euro-banconote-800--4-

Dopo la chiusura in profondo rosso di ieri Piazza Affari resta nel ciclone. La differenza tra Btp e Bund torna a preoccupare

Un’altra giornata pesantissima, per i mercati europei, dopo il tonfo di mercoledì: per Piazza Affari, nonostante il parziale recupero nel finale, è l’ottava giornata in calo delle ultime 9. La più lunga striscia negativa da 11 anni, per le Borse europee, piombate ai minimi da 13 mesi. Un mix micidiale di fattori, sia legati all’economia reale – con la mancata crescita dell’Eurozona che spaventa gli economisti – sia legati a fattori speculativo/finanziari, con gli operatori che approfittano della sbandata per vendere e monetizzare i rialzi accumulati da inizio anno.  A Milano il copione non è cambiato rispetto a mercoledì: sono ancora una volta le banche le più tartassate, con una valanga di sospensioni per eccesso di ribasso, e con MPS ancora maglia nera, che arriva a cedere quasi il 10%. Si avvicinano gli esiti degli stress test della BCE, previsti per domenica 26, e alcuni istituti italiani potrebbero non avere voti in pagella molto alti.

Problema non solo italiano

Il problema non è solo italiano, sono tutte le periferie dell’Eurozona a soffrire: lo si vede soprattutto sul mercato dei titoli di stato. Lo spread col bund è risalito in poche ore da 145 a quasi 200 punti, un movimento violentissimo che però va di pari passo con le performance di Spagna e Grecia.

L’Istat: nel 2° trimestre pil in calo dello 0,3%, peggio delle stime. Da tre anni l’Italia non cresce


istat

Due trimestri consecutivi con il segno meno per l’economia italiana, che non è più cresciuta in termini congiunturali sin dal secondo trimestre del 2011.

Ad aprile-giugno, spiega l’Istat, il pil italiano è diminuito dello 0,3% rispetto allo stesso periodo del 2013 e dello 0,2% nel confronto con gennaio-marzo. Questi dati sono coerenti con il nuovo sistema di calcolo Sec 2010 e mostrano un peggioramento rispetto alle stime diffuse a fine agosto, che Continua a leggere…

Ultime ore per pagare la Tasi:ecco chi deve pagare


Torna il rebus della Tasi: ecco chi deve pagaretasi

Ultime ore per pagare la Tasi. Domani per 15 milioni di cittadini sarà l’ultimo giorno per versare l’acconto della Tassa sui servizi indivisibili, l’imposta che in pratica ha preso il posto dell’Imu sulla prima casa (e che si paga anche sulla seconda). Per una famiglia su due, il tributo sarà più alto rispetto all’Imu 2012. Saranno chiamati a pagare i Continua a leggere…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.056 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: